TREKKING

 

Una camminata lungo la storia della diga del Gleno

Diga_gleno.jpg

Il 1° dicembre 1923, mentre gli abitanti della Val di Scalve (BG) e della Val camonica (BS) si svegliavano, alle prime luci dell’alba, 6 milioni di metri cubi d’acqua e detriti liberati dalle mura appena cedute della diga del Gleno intrapresero una folle corsa verso valle: quello che sarebbe successo di lì a poco era ormai inevitabile.

Interi paesi della valle, come Bueggio, Dezzo, Mazzunno, Angolo terme, Gorzone, Boario e Corna di Darfo, oltre a 5 centrali idroelettriche e una ferriera vennero rase al suolo dalla forza devastante dell’acqua.
Le acque terminarono la loro corsa distruttrice nel lago d’Iseo dove purtroppo furono rinvenute una cinquantina di salme galleggianti.

I motivi che portarono al crollo della diga non sono tutt’oggi ben chiari.
La maggior parte degli scritti che troverete lungo la valle e su internet fa riferimento ad un dramma scaturito prettamente da interessi economici:
per aumentare la produttività idroelettrica, il metodo costruttivo della diga venne portato da “gravità” ad “archi multipli”, superando il limite di capacità di metri cubi d’acqua di quasi il doppio rispetto ai progetti originari approvati, e questo è un dato di fatto.
Essendo inoltre l’onorario della ditta costruttrice saldato a cottimo, la stessa per terminare i lavori il prima possibile non rispettò le leggi costruttive della diga, facendo appoggiare i piloni portanti su dei tamponi anziché sulla roccia, ed oltretutto per risparmiare sui materiali avrebbe utilizzato in parte semplice calcina al posto del cemento, abbassando così le capacità di resistenza della struttura.

Esiste però una seconda ipotesi, che da qualche anno prende fondamenta nella pubblicazione di due perizie balistiche, (consultabili presso il Palazzo Pretorio di Vilminore) le quali accertano entrambe che all’interno della galleria di scarico vi fu una deflagrazione di una bomba.
Proprio qualche giorno prima del disastro, una certa quantità di dinamite scomparve dalla cava di estrazione del materiale adiacente alla diga.
Si potrebbe trattare dunque di un atto di ripicca tra le aziende che in quel tempo si contesero l’appalto di costruzione.

IMG_0150

Oggi le rovine della diga del Gleno sono diventate un punto d’attrazione;
infatti è possibile raggiungere il sito dopo una camminata di circa un’ora e un quarto attraversando pascoli, pendii, mulattiere e piccoli ruscelli, circondati da piante e fiori d’altura.

gopr0779.jpg

Abbiamo parcheggiato la macchina a Vilminore, in provincia di Bergamo, vicino la stazione della navetta che, se lo vorrete, al costo di 1 Euro vi potrà portare fino a Pianezza. Da qui, si può soltanto procedere a piedi.
Il sentiero è il CAI 411 e parte sulla destra della fontana di Pianezza, non potete sbagliare. Durante i primi 30 minuti di percorso camminerete attraverso pascoli d’altura con piccole baite suggestive per poi intraprendere una mulattiera che vi accompagnerà fin dentro al bosco.

DCIM104GOPRO

Da lì in poi vi attenderà un’altra mulattiera a tornanti di media difficoltà. Terminata la salita il percorso prosegue per un’altra mezz’ora tutta in pianura dove potrete iniziare ad ammirare il panorama che la Val di Scalve vi offre, iniziando poco dopo ad intravedere la facciata dei resti della diga del Gleno.

Arrivare ai piedi della diga ripaga di tutta la fatica impiegata fino a quel momento.

IMG_0136.JPG

Alle spalle delle rovine, il torrente Povo ancora riempie i primi metri del bacino.

IMG_0141.JPG

Stare all’interno del bacino della diga rende ancora più l’idea della quantità di acqua che si scaricò all’interno della valle e ciò fa rabbrividire al solo pensiero.

Il consiglio che vi diamo è quello di visitare assolutamente questo luogo avvolto dalla purezza della natura e da una storia che merita di essere ricordata.

BUONA MISSIONE, TURISTI!

 

Il salto degli sposi: tra bellezza e mistero

Il passo della Presolana, offre molteplici possibilità: aria buona, ristoranti, piste da sci, piste da bob estivo ed è punto di partenza di molti sentieri;

Missioneturista si è imbattuta nel percorrere il più semplice, ma allo stesso tempo con la capacità di toglierti il fiato all’arrivo ( e non per la fatica 🙂 ).

Percorrendo il tratto di strada da Donico verso Cantoniera della Presolana, precisamente in questa posizione troverete un cartello che vi indica la direzione da seguire per IL SALTO DEGLI SPOSI.
Subito dopo aver svoltato in direzione del cartello, troverete un parcheggio (gratuito) dove poter lasciare l’auto o la moto.
La durata della percorrenza a piedi, attraverso un semplice sentiero è di circa 5min; si percorrono un paio di “collinette” per poi costeggiare un “fazzoletto” di bosco ed il gioco è fatto:

20170819_164039

Un fantastico panorama si aprirà davanti ai vostri occhi, la valle del Dezzo.

Starete poggiando i piedi su di un balcone a strapiombo, stessa zona che da più di un secolo è custode di una leggenda.

20170819_164733.jpg
Statue in ferro raffiguranti la leggenda

Potremmo raccontarvela, ma sarebbe troppo semplice e leggerla qui non avrebbe lo stesso “sapore” che farlo a picco sulla bellissima valle del Dezzo.
Se non sapete dove andare questo weekend, ma al contempo non volete faticare, questo è il posto che fa per voi!

BUONA MISSIONE, TURISTI!

Dai… davvero non riuscite a stare nella pelle e volete a tutti i costi conoscere la leggenda?

cliccate qui! 🙂

 

Il Ponte di Veja, oltre la sfera del tempo

Il vento soffia attraverso la vegetazione di un antico bosco ceduo.
Un capriolo si sta abbeverando con i sensi in allerta con le fresche acque sgorganti da una sorgente sotterranea. Il sibilo di una freccia armata di una punta di selce rompe l’abituale silenzio di questo paesaggio di 60 mila anni fa, mancando il bersaglio.
Il capriolo, con un balzo, fugge nel folto della vegetazione.
Il cacciatore paleolitico, con la determinazione data dalla sopravvivenza, si apposta per un ulteriore bersaglio vitale che porterà alimento al proprio villaggio.

Immaginate che proprio qui, a pochi km da Sant’Anna dal Faedo in provincia di Verona, sia avvenuta questa scena di caccia preistorica e che la comunità di cacciatori-raccoglitori era stanziata dove ora noi ci troviamo, nei ripari e nelle grotte sotto il Ponte di Veja.
Missione turista vi propone di venire a visitare questo luogo dalle caratteristiche uniche essendo qui presente il ponte naturale di roccia più grande in Europa.

DCIM110GOPRO
Questo è quello che rimane di un enorme antica caverna scavata dall’azione dell’acqua nella formazione del rosso ammonitico, risalente al giurassico.
Il crollo, alla ricerca dell’equilibrio statico, delle rocce ha portato alla formazione di questo sorprendente paesaggio che vi consigliamo vivamente di visitare, essendo stato storicamente rappresentato anche in antichi dipinti medioevali.

DCIM110GOPRO

Oltre al patrimonio geologico paleontologico e naturalistico, conservato all’interno delle grotte dell’orso e dell’acqua, chiuso alla visita turistica per ovvi motivi di protezione e salvaguardia, avrete comunque la possibilità di apprezzare la spettacolare visione di questo fenomeno naturale e di apprezzare l’ottima cucina offerta dal ristorante attiguo.
Nel nostro video (clicca qui) una visione di assieme del sito.

BUONA MISSIONE, TURISTI!